Direttore Sanitario: dott.sa Ilde Cicchinelli - Autorizzazione DCA U00433

Visualizza articoli per tag: leucociti

I monociti sono un tipo di globuli bianchi che svolgono un ruolo cruciale nel sistema immunitario, aiutando a combattere infezioni e rimuovere cellule morte o danneggiate. Tuttavia, quando i livelli di monociti nel sangue sono troppo alti, potrebbero indicare una condizione medica che necessita di attenzione. 

Se hai fatto le analisi del sangue complete ed hai scoperto di avere un valore di monociti alti, continua a leggere l'articolo per scoprire cosa vuol dire e qual è il significato di questo valore così alto.

Esploreremo le cause dei monociti alti, i sintomi associati e quando preoccuparsi, offrendo una guida completa per comprendere l'importanza di questi globuli bianchi e quando è necessario consultare un medico.

Monociti: significato, funzioni e valori

Cosa sono i Monociti

Comprendere cosa sono i monociti è fondamentale per poter interpretare correttamente i risultati degli esami del sangue e capire perché valori fuori norma possono essere un indicatore importante di condizioni mediche sottostanti. Avere monociti alti nel sangue può indicare una risposta del corpo a infezioni acute o croniche, infiammazioni, malattie autoimmuni o altre condizioni patologiche. Pertanto, è essenziale non sottovalutare l'importanza dei monociti nel contesto della nostra salute generale.

composizione monociti

I monociti sono un tipo di globuli bianchi, componenti essenziali del nostro sistema immunitario. Prodotti nel midollo osseo, questi leucociti circolano nel sangue per circa uno o tre giorni prima di migrare nei tessuti del corpo, dove si trasformano in macrofagi o cellule dendritiche. I macrofagi giocano un ruolo cruciale nella fagocitosi, ovvero l'ingestione e la digestione di agenti patogeni come batteri e virus, residui cellulari e altre particelle estranee. Le cellule dendritiche, invece, sono fondamentali nell'attivazione delle risposte immunitarie adattative attraverso la presentazione dell'antigene ai linfociti T.

Funzione dei Monociti nel Sistema Immunitario

I monociti sono essenziali per la difesa immunitaria. Come abbiamo spiegato, dopo essere stati prodotti nel midollo osseo, circolano nel sangue per un breve periodo prima di migrare nei tessuti, dove si trasformano in macrofagi o cellule dendritiche. I macrofagi inghiottono e digeriscono patogeni, cellule morte e altre particelle estranee, mentre le cellule dendritiche presentano antigeni ai linfociti T, attivando la risposta immunitaria adattativa.

Cos'è la Monocitosi

La monocitosi si riferisce all'aumento del numero di monociti nel sangue. I monociti sono un tipo di globuli bianchi che, insieme ai leucociti, giocano un ruolo importante nel sistema immunitario. Per saperne di più su altre anomalie dei globuli bianchi, leggi il nostro articolo sui leucociti alti nelle urine.

Quando i livelli di monociti sono alti o troppo elevati, può essere un segnale che il corpo sta rispondendo a infezioni, infiammazioni o altre condizioni mediche.

cellule monociti alti

Cause dei Monociti Alti

I monociti alti, condizione nota anche come monocitosi, possono essere indicativi di diverse condizioni mediche che richiedono attenzione e approfondimento.

Tra le cause principali di un aumento dei monociti nel sangue troviamo

  • infezioni croniche, come la tubercolosi o l'endocardite, che stimolano il sistema immunitario a produrre più monociti per combattere l'infezione.
  • infezioni virali come la mononucleosi o l'epatite, le quali possono causare un aumento dei monociti

Un'altra causa comune di monociti elevati è rappresentata dalle malattie infiammatorie croniche, come l'artrite reumatoide o le malattie infiammatorie intestinali (Morbo di Crohn e colite ulcerosa). In questi casi, il corpo produce più monociti in risposta all'infiammazione persistente. Inoltre, le condizioni autoimmuni, dove il sistema immunitario attacca erroneamente i tessuti sani del corpo, possono anche portare a un aumento dei livelli di monociti. Analogamente, altre anomalie ematiche come l'ematocrito basso possono indicare problemi di salute da non sottovalutare.

La leucemia e altre neoplasie ematologiche sono ulteriori cause significative di monocitosi. La presenza di cellule tumorali nel midollo osseo può stimolare una produzione anormale e aumentata di monociti. Anche i disturbi mieloproliferativi, come la policitemia vera o la mielofibrosi, possono essere responsabili dell'aumento dei monociti nel sangue.

Non bisogna dimenticare che fattori meno gravi ma comunque rilevanti possono influenzare i livelli di monociti. Ad esempio, lo stress fisico e mentale intenso può temporaneamente aumentare i livelli di queste cellule. Inoltre, alcuni farmaci, come i corticosteroidi, possono alterare la conta dei globuli bianchi e portare a un aumento relativo dei monociti.

Per comprendere pienamente cosa significhi avere i monociti alti è fondamentale consultare un medico che possa interpretare i risultati degli esami del sangue nel contesto clinico del paziente. Solo attraverso una valutazione accurata si può distinguere tra una condizione benigna e una patologia che necessita di intervento medico immediato.

monociti alti monocitosi

Valori Normali dei Monociti

Essenziali per il nostro sistema immunitario, i monociti sono un tipo di globuli bianchi davvero cruciali nella difesa contro infezioni e malattie. Ma quali sono i valori normali dei monociti?

Generalmente, nei risultati degli esami del sangue, i monociti rappresentano il 2-8% del totale dei globuli bianchi. In termini assoluti, questo corrisponde a circa 200-800 monociti per microlitro di sangue.

Tuttavia, è importante notare che questi valori possono variare leggermente in base al laboratorio e ai parametri specifici utilizzati. I valori normali dei monociti sono fondamentali per mantenere l'equilibrio del sistema immunitario.

Valori di monociti alti

Un aumento o una diminuzione significativa può indicare la presenza di condizioni patologiche o l'insorgenza di infezioni. Per esempio, monociti alti nel sangue come avrai visto e letto più su, possono essere sintomatici di infezioni batteriche croniche, malattie infiammatorie o disordini ematologici (ma anche di condizioni molto meno gravi e "comuni", come lo stress fisico e mentale o l'assunzione di farmaci!).

Valori di monociti bassi

Monitorare regolarmente i valori dei monociti tramite esami del sangue può aiutare a identificare precocemente eventuali anomalie e a prendere misure preventive appropriate. Se i risultati degli esami del sangue mostrano valori anomali, è essenziale consultare un medico per ulteriori indagini e diagnosi accurate.

Quando i livelli di monociti scendono al di sotto dei valori normali, si parla di monocitopenia. Questa condizione può essere causata da infezioni virali, trattamenti medici come la chemioterapia, malattie del midollo osseo e deficienze nutrizionali. La riduzione dei monociti compromette la capacità del sistema immunitario di combattere le infezioni e può rendere il corpo più suscettibile a malattie e infezioni ricorrenti.

I sintomi della monocitopenia includono frequenti infezioni, affaticamento persistente, febbre ricorrente e sintomi di anemia come pallore e debolezza. La ridotta capacità del sistema immunitario di combattere le infezioni può portare a una maggiore suscettibilità a malattie e infezioni.

La diagnosi di monocitopenia si basa su un emocromo completo, che misura i livelli di globuli bianchi nel sangue. Se i risultati mostrano una riduzione significativa dei monociti, ulteriori test possono essere richiesti per identificare la causa sottostante, come una biopsia del midollo osseo o test per infezioni virali. Il trattamento della monocitopenia dipende dalla causa e può includere trattamenti per infezioni, cambiamenti nutrizionali, modifiche alla terapia farmacologica e supporto immunitario.

Non sottovalutare l'importanza di conoscere i tuoi valori ematici! Un piccolo cambiamento nei livelli dei monociti potrebbe essere il primo segnale di qualcosa che richiede attenzione medica. Investire nella tua salute significa anche essere consapevoli e informati sui diversi parametri che influenzano il tuo benessere generale.

Nel nostro laboratorio di analisi è possibile effettuare tutte le analisi del sangue, compreso l'emocromo per la valutazione del livello dei monociti.

Quando Preoccuparsi per i Monociti Alti?

Avrai già capito cosa sono i monociti e qual è la loro funzione principale, ossia quella di combattere le infezioni e rimuovere le cellule morte dal corpo. Livelli elevati di monociti nel sangue, noti come monocitosi, possono essere indicativi di problemi di salute che richiedono attenzione. Ma quando è davvero il caso di preoccuparsi per i monociti alti?

Prima di tutto, è importante comprendere i valori normali dei monociti. In generale, i monociti dovrebbero costituire tra il 2% e l'8% dei globuli bianchi totali nel sangue. Un aumento temporaneo dei monociti può verificarsi in risposta a infezioni acute o stress fisico, ed è considerato normale. Tuttavia, se i valori rimangono elevati per un periodo prolungato, potrebbe essere segno di condizioni più gravi.

Le cause dei monociti alti possono variare ampiamente. Alcune delle cause più comuni includono infezioni croniche come la tubercolosi e la mononucleosi, malattie infiammatorie croniche come l'artrite reumatoide e malattie autoimmuni come il lupus eritematoso sistemico. Inoltre, alcune forme di cancro del sangue, come la leucemia mielomonocitica cronica, possono anche portare a un aumento significativo dei monociti.

Sintomi Associati ai Monociti Alti

I sintomi comuni associati a livelli elevati di monociti possono includere febbre, stanchezza persistente, dolori muscolari e articolari, nonché ingrossamento dei linfonodi. Questi sintomi sono spesso correlati alla patologia sottostante che causa l'aumento dei monociti.

A seconda della condizione medica specifica che causa la monocitosi, i sintomi possono variare. Ad esempio, nelle infezioni croniche come la tubercolosi, si possono verificare sudorazioni notturne e perdita di peso. Nelle malattie autoimmuni, si possono manifestare sintomi sistemici come eruzioni cutanee e affaticamento cronico.

È essenziale consultare un medico se si riscontrano livelli elevati di monociti nel sangue attraverso un emocromo. Il medico valuterà la situazione complessiva del paziente e potrebbe richiedere ulteriori esami per determinare la causa sottostante dell'aumento dei monociti. Alcuni sintomi che potrebbero accompagnare la monocitosi includono febbre persistente, perdita di peso inspiegabile, affaticamento e sudorazioni notturne.

In definitiva, mentre un valore di monociti leggermente alti può non essere motivo di preoccupazione immediata, livelli persistentemente alti richiedono attenzione medica per escludere o trattare potenziali condizioni gravi. Mantenere una buona comunicazione con il proprio medico curante e seguire le indicazioni mediche è fondamentale per garantire una diagnosi accurata e un trattamento adeguato.

FAQ sui Monociti Alti

1. Cosa significa avere i monociti alti? Avere i monociti alti, o monocitosi, indica un aumento dei globuli bianchi che può essere causato da infezioni, infiammazioni croniche, malattie autoimmuni o neoplasie ematologiche.

2. Quali sono i sintomi associati ai monociti alti? I sintomi comuni includono febbre, stanchezza, dolori muscolari e articolari, e ingrossamento dei linfonodi. Sintomi più specifici dipendono dalla condizione sottostante.

3. Come vengono diagnosticati i monociti alti? La diagnosi inizia con un emocromo per misurare i livelli di monociti nel sangue. Ulteriori test possono includere esami per infezioni, test di funzionalità epatica e renale, biopsia del midollo osseo e imaging.

4. Quali sono le cause principali dei monociti alti? Le cause includono infezioni croniche, malattie infiammatorie croniche, condizioni autoimmuni, neoplasie ematologiche e fattori come stress e uso di farmaci corticosteroidi.

5. Quando devo preoccuparmi per i monociti alti? È importante consultare un medico se i livelli di monociti sono elevati per un periodo prolungato, soprattutto se accompagnati da sintomi come febbre persistente, perdita di peso inspiegabile e affaticamento estremo.

Pubblicato in Salute

Quando parliamo di salute urinaria, una delle misure diagnostiche più importanti è rappresentata dai leucociti nelle urine. Questi globuli bianchi, parte integrante del sistema immunitario, sono essenziali nel combattere le infezioni e rispondere a processi infiammatori nel corpo. Quando il loro numero risulta aumentato nelle urine, questo fenomeno, noto come leucocituria, può rappresentare un segnale di un problema sottostante, come un'infezione o un'infiammazione nel tratto urinario o nei tessuti adiacenti.

Un livello elevato di leucociti nelle urine non dovrebbe essere ignorato, poiché può indicare la presenza di una condizione sottostante che richiede attenzione medica. In questo articolo, ci addentreremo nelle possibili cause di un aumento dei leucociti nelle urine, esaminando i sintomi correlati, le modalità di diagnosi e le opzioni di trattamento disponibili. Approfondiremo inoltre le domande frequenti che possono sorgere riguardo a questa condizione, fornendo una panoramica esaustiva per comprendere e gestire i leucociti elevati nelle urine.

Leucociti: cosa sono e qual è il loro ruolo nella salute urinaria

I leucociti, comunemente noti come globuli bianchi, sono una parte fondamentale del sistema immunitario, responsabili di proteggere il corpo da infezioni e malattie. Quando i leucociti sono presenti nelle urine in quantità elevate, può indicare la presenza di un'infezione o di un'infiammazione nel tratto urinario o in altre parti del corpo.

La presenza di leucociti nelle urine, chiamata anche leucocituria, è un segno che il sistema immunitario sta rispondendo a un'aggressione da parte di batteri, virus o altri agenti patogeni.

Questo può verificarsi in risposta a un'infezione del tratto urinario, un'infiammazione dei reni o altre condizioni mediche.

È importante capire che la presenza di leucociti nelle urine non è sempre un segno di malattia grave. In alcuni casi, può essere un segno di una infezione del tratto urinario lieve o temporanea, che può essere facilmente trattata con antibiotici e altri farmaci. Tuttavia, in altri casi, l'aumentato numero di globuli bianchi nelle urine può essere un segno di un problema medico più serio, come un'infezione renale o una condizione infiammatoria cronica.

Nel prossimo capitolo, esploreremo più in dettaglio cosa significa avere leucociti alti nelle urine e quali possono essere le cause sottostanti di questa condizione.

Come individuare i leucociti alti nelle urine: esami e diagnosi

La diagnosi dei leucociti alti nelle urine coinvolge una serie di procedure diagnostiche volte a identificare la causa sottostante del fenomeno. Ecco alcuni dei metodi diagnostici più comuni utilizzati:

  1. Analisi delle Urine: L'analisi delle urine è spesso il primo passo nella valutazione dei leucociti alti nelle urine. Questo test viene eseguito utilizzando un campione di urina raccolto in modo sterile e analizzato per determinare la presenza di leucociti, proteine, sangue e altri marcatori. L'esame delle urine può fornire indicazioni preliminari sulla presenza di un'infezione o infiammazione nel tratto urinario.
  2. Cultura delle Urine: Se l'analisi delle urine rivela la presenza di batteri o altri segni di infezione, può essere eseguita una coltura delle urine. Questo test prevede il posizionamento di una piccola quantità di urina su un terreno di coltura per determinare il tipo specifico di batteri presenti e la loro sensibilità agli antibiotici. La coltura delle urine è fondamentale per identificare l'organismo responsabile dell'infezione e guidare il trattamento antibiotico appropriato.
  3. Esami di Imaging: In alcuni casi, possono essere eseguiti esami di imaging come l'ecografia renale, la tomografia computerizzata (TC) o la risonanza magnetica (RM) per valutare lo stato strutturale dei reni e del tratto urinario. Questi test possono rilevare anomalie strutturali, calcoli renali o altre condizioni che possono contribuire ai leucociti alti nelle urine.
  4. Biopsia Renale: In casi selezionati in cui è sospetta una patologia renale sottostante, può essere eseguita una biopsia renale. Durante questo procedimento, viene prelevato un piccolo campione di tessuto renale per l'analisi al microscopio. La biopsia renale può aiutare a confermare diagnosi come la glomerulonefrite o l'insufficienza renale cronica.
  5. Esami di Laboratorio Aggiuntivi: A seconda dei risultati degli esami precedenti e dei sintomi presentati dal paziente, possono essere richiesti ulteriori esami di laboratorio per valutare la funzionalità renale, il sistema immunitario o altri marker di infiammazione. Questi test possono includere esami del sangue come l'emocromo completo, la creatinina sierica e il tasso di filtrazione glomerulare (eGFR).

Una volta completata la valutazione diagnostica, il medico sarà in grado di determinare la causa sottostante dei leucociti alti nelle urine e pianificare il trattamento appropriato. Nel prossimo capitolo, esploreremo le opzioni di trattamento disponibili per gestire i leucociti alti nelle urine e migliorare la salute renale.

Ricorda: nel nostro laboratorio offriamo un servizio completo per la tua salute urinaria. Effettuiamo sia l'esame delle urine che l'urinocoltura con antibiogramma. Questi test ci consentono di valutare la tua salute urinaria in modo approfondito, individuando eventuali anomalie o infezioni. Non serve appuntamento né ricetta medica. Segui le istruzioni per la preparazione all'esame nell'apposita sezione.

Leucociti nelle urine

Leucociti alti nelle urine: cosa significa?

Quando si riscontra la presenza di leucociti nelle urine, è importante comprendere il significato di questo segno e le possibili implicazioni per la salute. I leucociti sono cellule del sistema immunitario responsabili di combattere le infezioni e l'infiammazione nel corpo. Quando si trovano nelle urine in quantità elevate, può essere un segno di problemi nel tratto urinario o in altre zone del corpo.

Leucociti nelle urine: valori di riferimento

I valori di riferimento per i leucociti nelle urine possono variare leggermente da laboratorio a laboratorio e possono dipendere anche da fattori come l'età, il sesso e lo stato di salute generale del paziente.

Tuttavia, in generale, i valori normali dei leucociti nelle urine per gli adulti sono considerati inferiori a 5-10 leucociti per campo visivo quando viene eseguita un'analisi del sedimento urinario al microscopio.

Ricordiamo però che è importante notare che i valori di riferimento possono essere interpretati insieme ad altri sintomi e risultati degli esami per determinare se ci sono eventuali problemi di salute. Se i leucociti nelle urine sono superiori ai valori di riferimento, potrebbe essere necessario ulteriori indagini diagnostiche per identificare la causa sottostante e decidere il trattamento appropriato.

Leucociti alti

Una conta di leucociti alti nel sangue, nota anche come leucocitosi, può essere indicativa di un'infiammazione o di un'infezione nel corpo. Le cause più comuni di leucocitosi includono infezioni batteriche, virali o fungine, infiammazioni acute o croniche, reazioni allergiche, stress emotivo o fisico, e alcune condizioni mediche come le malattie autoimmuni o l'artrite.

Quando i leucociti sono alti, il sistema immunitario è attivo e sta combattendo contro un agente patogeno o una condizione infiammatoria. È importante identificare la causa sottostante dei leucociti elevati per determinare il trattamento più appropriato.

Leucociti bassi

Al contrario, una conta bassa di leucociti nel sangue, nota come leucopenia, può essere indicativa di una compromissione del sistema immunitario o di una ridotta produzione di globuli bianchi nel midollo osseo. Le cause della leucopenia possono includere infezioni virali, come l'HIV o l'epatite, esposizione a radiazioni o sostanze chimiche, carenze nutrizionali, malattie autoimmuni, e talvolta alcune terapie mediche come la chemioterapia. La leucopenia può rendere il corpo più suscettibile alle infezioni e alle malattie, poiché il sistema immunitario è compromesso. È importante trattare la causa sottostante della leucopenia per ripristinare i livelli normali di leucociti nel sangue e rafforzare il sistema immunitario.

In entrambi i casi, sia che si tratti di leucociti alti che bassi, è fondamentale consultare un medico per una valutazione accurata e per determinare il trattamento più adatto alla situazione individuale.

Esami del sangue e ulteriori test diagnostici possono essere necessari per identificare la causa sottostante delle variazioni dei livelli di leucociti e pianificare un piano di cura mirato.

Sintomi associati ai leucociti alti nelle urine

I sintomi correlati ai leucociti elevati nelle urine possono variare a seconda della causa sottostante. Tuttavia, ci sono segni comuni da tenere in considerazione, tra cui:
- Bruciore o dolore durante la minzione.
- Aumento della frequenza urinaria.
- Dolore nella zona inferiore dell'addome o nella parte bassa della schiena.
- Urine torbide, scure o che emanano un odore sgradevole.
- Possibile comparsa di febbre e malessere generale.

Leucociti alti nelle urine

Possibili patologie associate ai leucociti alti nelle urine

La presenza di leucociti nelle urine richiede un'attenta valutazione medica per identificare la causa sottostante e stabilire il piano di trattamento più appropriato.

La presenza di leucociti nelle urine può essere indicativa di diverse condizioni, tra cui:

  • Infezione del Tratto Urinario (ITU): È una delle cause più comuni di leucocituria. L'ITU può coinvolgere la vescica (cistite), l'uretra (uretrite) o i reni (pielonefrite). Nei casi di infezione del tratto urinario, i leucociti si accumulano nelle urine per combattere l'infezione.
  • Infiammazione Renale: L'infiammazione dei reni, nota anche come nefrite, può causare la presenza di leucociti nelle urine. Questa condizione può essere causata da diverse patologie, tra cui glomerulonefrite, pielonefrite cronica o altre malattie renali.
  • Malattie Infettive: Alcune malattie infettive, come la prostatite negli uomini o le infezioni sessualmente trasmissibili come la clamidia o la gonorrea, possono causare un aumento dei leucociti nelle urine.
  • Infiammazione o Lesioni del Tratto Urinario: L'infiammazione o le lesioni dell'uretra, della vescica o dell'uretere possono portare alla presenza di leucociti nelle urine.
  • Condizioni Infiammatorie Sistemiche: Malattie autoimmuni o infiammatorie sistemiche come la lupus eritematoso sistemico (LES) o l'artrite reumatoide possono causare infiammazione che si manifesta anche nelle urine.

La presenza di leucociti nelle urine può essere confermata attraverso un esame del campione di urina, chiamato urinocoltura, che può identificare eventuali agenti patogeni responsabili dell'infezione. In alcuni casi, possono essere necessari ulteriori esami diagnostici, come l'ecografia renale o esami del sangue completi, per determinare la causa sottostante dei leucociti alti nelle urine.

Nella prossima sezione, esamineremo quali azioni intraprendere in caso di leucociti alti nelle urine e come trattare questa condizione per garantire il benessere e la salute.

Terapie e come curare i leucociti alti nelle urine

Il trattamento per i leucociti alti nelle urine dipende dalla causa sottostante della condizione. Alcuni trattamenti comuni includono:

  1. Antibiotici: Se la leucocitosi nelle urine è causata da un'infezione batterica del tratto urinario, il medico può prescrivere antibiotici specifici per trattare l'infezione.
  2. Farmaci antinfiammatori: Se i leucociti nelle urine sono causati da un'infiammazione o da una condizione autoimmune, il medico può prescrivere farmaci antinfiammatori per ridurre l'infiammazione e controllare i sintomi.
  3. Terapia mirata: Se i leucociti nelle urine sono causati da una condizione sottostante come una malattia renale o un disturbo autoimmune, il trattamento sarà mirato alla gestione di quella specifica condizione.
  4. Cambiamenti dello stile di vita: In alcuni casi, fare cambiamenti nello stile di vita come bere più acqua, evitare sostanze irritanti come l'alcol e la caffeina, e mantenere una buona igiene personale possono aiutare a ridurre i sintomi associati ai leucociti alti nelle urine.

È importante seguire attentamente il piano di trattamento prescritto dal medico e programmare i follow-up regolari per monitorare la risposta al trattamento e apportare eventuali modifiche se necessario.

Domande e risposte sui leucociti nelle urine

Quando è preoccupante avere leucociti alti nelle urine?
Un valore elevato di leucociti nelle urine può indicare un'infezione del tratto urinario o un'infiammazione nelle vie urinarie. Se i livelli sono persistentemente alti o accompagnati da altri sintomi come dolore, bruciore durante la minzione o cambiamenti nel colore o nell'odore delle urine, è consigliabile consultare un medico per una valutazione più approfondita.

Pubblicato in Salute

Scegli la Salute. Iscriviti alla Nostra Newsletter per Offerte Personalizzate

Ricevi subito il 5% di sconto

Lascia la tua e-mail e ricevi in anteprima le nostre migliori promozioni ed offerte per la tua salute. Non faremo SPAM e potrai cancellarti in ogni momento con un click. Sono esclusi: Pro Flora Check, Alex 2 Test e i test di genetica.

Oggi 244 • Ieri 776 • Settimana 1728 • Mese 11558 • Totale 561156

Emmepi laboratorio analisi Roma
Direttore Sanitario: dott.ssa Ilde Cicchinelli | Autorizzazione: DCA U00433
Sede legale: Piazza Aruleno Celio Sabino 86-87-88-89 CAP 00174 Roma (RM)

Copyright © 2024 - LABORATORIO DI PATOLOGIA CLINICA EMMEPI SRL
P.IVA 01357611001 - C.F. 05111650585
PEC: info@pec.emmepilab.com | Copertura assicurativa fornita da ALLIANZ

Sito web aggiornato periodicamente ogni 15 giorni

Realizzazione Sito Web by Luca De Matteis
Chiusure estive